Lezioni - Analisi Logica

Quali funzioni svolgono le parole (i sintagmi) nella frase in cui vengono usate?
Quali rapporti ci sono tra le parole all'interno di una frase?

Fare l'analisi logica significa rispondere a queste domande.

Romano Mazzini - romazzini.it



Il SOGGETTO
In una frase attiva, il soggetto è colui che compie l'azione. Es.: Carlo mangia la pasta.
Nella frase passiva, il soggetto subisce l'azione compiuta da altri. Es.: Carlo è stato ringraziato dal padre.
Nella frase con predicato nominale, il soggetto è colui di cui si parla. Es.: Carlo è molto alto.
IL PREDICATO VERBALE
E' un sintagma formato di soli verbi (mangio, eravamo partiti, erano stati visti, potevo vedere...). Indica un'azione fatta o subita dal soggetto ( Io corro, Lui è stato premiato...), un evento (La strada è franata...), una condizione (La penna sta sul banco...).
IL PREDICATO NOMINALE
E' formato dal verbo essere, più un aggettivo o un nome: Mio figlio è alto ... Quel tuo amico è una sagoma...
Il nome o l'aggettivo indicano il modo di essere del soggetto. La parte verbale si chiama copula, quella nominale si chiama nome del predicato.
L'ATTRIBUTO
E' un aggettivo (o un participio usato come aggettivo) che attribuisce una qualità al nome al quale si riferisce.
Ho acquistato una bella casetta: bella è un attributo che si riferisce a casetta.
L'APPOSIZIONE
E' un nome che attribuisce una qualità ad un altro nome: Carla, una ragazza di 20 anni, è scomparsa... ragazza è un nome che si riferisce a una altro nome, Carla. Qualche volta, davanti all'apposizione ci sono locuzioni come in qualità di..., come...
I COMPLEMENTI:
Completano le informazioni fornite dalla frase.
Si distinguono i complementi diretti, quelli indiretti e quelli avverbiali.
Complementi diretti: sono legati agli altri sintagmi direttamente, cioè senza preposizioni. I complementi diretti sono 3:
Complementi indiretti: sono uniti al sintagma con una preposizione, una locuzione prepositiva o un avverbio usato come preposizione.
Complementi avverbiali: fanno parte dei complementi indiretti anche se non hanno una preposizione davanti. Sono sempre formati da avverbi o locuzioni avverbiali.
La pagina che segue è stata tratta dall'opera di Luigi De Bellis e Antonio Margherini (questo è l'indirizzo del loro sito: http://spazioinwind.libero.it/grammatica/grammatica/complementi.htm )
  1. Il complemento oggetto indica la persona, l'animale o la cosa su cui cade direttamente l'azione compiuta dal soggetto. Esso è retto sempre da un verbo transitivo attivo e diventa soggetto se si trasforma la frase al passivo ("Mario mangia la mela"; al passivo: "La mela è mangiata da Mario").
    Risponde alle domande: chi? che cosa?
  2. Il complemento di specificazione è un sostantivo, preceduto dalla preposizione "di", che specifica un nome precedente ("La casa di Mario" - "Il libro di storia").
    Risponde alle domande: di chi? di che cosa?
  3. Il complemento partitivo indica il tutto da cui si prende una parte ("Molti di noi vennero alle mani" - "Furono scelti tre fra gli alunni" ).
  4. Il complemento di termine indica la persona, l'animale o la cosa su cui ha termine l'effetto dell'azione ("Ho dato un libro a Mario").
    Risponde alle domande: a chi? a che cosa?
  5. Il complemento di vantaggio o svantaggio indica la persona o l' animale a vantaggio o a svantaggio dei quali si compie l'azione ("I genitori lavorano per i figli" ).
  6. Il complemento di vocazione (o vocativo) indica la persona, l'animale o la cosa personificata a cui ci si rivolge nel discorso diretto ("O Dio, abbi pietà di noi" - "Vittorio, quanto rompi!" - "Fido, porta le pantofole al padrone!" - "Quanto male fai a volte tu, o signora Verità!" ).
  7. Il complemento di esclamazione (o esclamativo) esprime uno stato d'animo (di gioia, di dolore, di stupore, ecc.) ed è costituito da una interiezione ("Ahi!" - "Ahimè!") o da un'intera espressione avulsa dal contesto logico della proposizione ("Che figura hai fatto!") o da entrambe le cose ("Ahimè, che figura hai fatto!" ).
  8. Il complemento di denominazione indica il nome proprio (per lo più geografico) di un nome comune precedentemente espresso. A volte è legato al nome comune dalla preposizione "di" ("L'isola di Sicilia anticamente si chiamava Trinacria" - "Il fiume Po è il più lungo dei fiumi italiani").
  9. Il complemento predicativo è dato da un sostantivo che serve a completare e definire il significato del predicato ("I Romani elessero Cicerone console" - "Cicerone fu eletto console dai Romani").
    Come si può facilmente osservare, senza il sostantivo console le due frasi non avrebbero un senso compiuto.
    Il sostantivo console nella frase attiva si chiama complemento predicativo dell'oggetto perchè riferito al complemento oggetto "Cicerone"; nella frase passiva si chiama complemento predicativo del soggetto perchè riferito al soggetto "Cicerone".
  10. Il complemento di modo o maniera indica il modo in cui si compie l'azione ("Sto mangiando questa pizza con gran gusto" - "Vado sempre volentieri a teatro").
    Risponde alla domanda: in che modo?
  11. Il complemento di qualità esprime una qualità che si attribuisce ad un elemento della proposizione senza alcun legame verbale ("Cesare fu un condottiero di grande coraggio" "Cassius Clay è un pugile dalla corporatura gigantesca").
  12. Il complemento di compagnia indica la persona o l'animale insieme con i quali si compie l'azione ("Vado a scuola con Lucia" - "Vado a spasso con il cane").
    Risponde alla domanda: con chi?
  13. Il complemento di unione indica la cosa insieme con la quale si compie l'azione, perciò da non confondere con il complemento di mezzo che indica la cosa di cui ci serviamo per compiere l'azione ("Vado a scuola con i libri" - "Vado in campagna con l'abito vecchio").
  14. Il complemento di esclusione indica la persona, l'animale o la cosa che si esclude dall'azione espressa dal predicato. E' formato da un sostantivo preceduto da "eccetto", "tranne", "senza" e simili ("Tutti parteciparono al cenone di Capodanno tranne i coniugi De Rosa"). Risponde alle domande: eccetto chi? tranne chi?
  15. Il complemento di sostituzione indica la persona, l'animale o la cosa che è sostituita nell'azione da altri. E' retto dalla preposizione "per" o dalle locuzioni prepositive "invece di", "al posto di" e simili ("Ne ricavai datteri per fichi" - "Con la pizza preferisco la birra al posto del vino").
    Risponde alle domande: invece di chi? al posto di che cosa?
  16. Il complemento di allontanamento o separazione indica la persona, l'animale o la cosa da cui avviene una liberazione, una separazione ("Finalmente ci siamo liberati da tutti quei curiosi" - "I monti Urali separano l'Europa dall'Asia" - "Me ne andrà lontano da casa").
    Risponde alle domande: separato da chi? lontano da che cosa?
  17. Il complemento di fine o scopo indica il fine per cui si compie l'azione ("Lottiamo per la pace" - "Lottiamo per l'affermazione dei diritti civili" ).
    Risponde alla domanda: per quale scopo?
  18. Il complemento di mezzo indica la persona, l'animale o la cosa per mezzo della quale si compie l'azione ("Ho mandato una lettera a Mario per mezzo di Antonio" - "In Calabria arano i campi ancora con i buoi" - "Vado a scuola col motorino").
    Risponde alle domande: per mezzo di chi? per mezzo di che cosa?
  19. Il complemento di causa indica la persona, l'animale o la cosa a causa della quale si compie o non si compie l'azione ("Per amore di Dio sopporto i fessi" - "A causa della pioggia non esco").
    Risponde alle domande: per causa di chi? a causa di che cosa?
  20. Il complemento d'agente indica la persona o l'animale da cui è compiuta l'azione in una frase passiva ("Fui percosso dal compagno"; "Fui morsicato dal cane").
    Risponde alla domanda: da chi?
  21. Il complemento di causa efficiente indica la cosa che produce un'azione in una frase passiva ("Fui colpito da un sasso").
    Risponde alla domanda: da che cosa?
  22. Il complemento di tempo determinato indica il tempo o la circostanza in cui si compie l'azione ("Lunedì" - "Alle ore 07:00" - "A gennaio" - "In primavera" - "Nel 1961 " - "In guerra" - "In pace")
    Risponde alle domande: quando? in quale circostanza? in quale occasione?
  23. Il complemento di tempo continuato indica la durata dell'azione ("Per tre giorni" - "Per cinque anni" ).
    Risponde alla domanda: per quanto tempo?
  24. Il complemento di stato in luogo indica il luogo reale o figurato in cui avviene l'azione ("Vivo in campagna" - "La sera resto in casa" - "Annibale fu sconfitto presso Zama" - "In chiesa si prega, non si ciarla").
    Risponde alle domande: dove? in quale luogo?
  25. Il complemento di moto a luogo indica il luogo reale o figurato dove si va o verso cui ci si dirige ("Vado a casa" - "Vado a Roma"; "Vado da Mario").
    Risponde alle domande: dove? verso dove?
  26. Il complemento di moto da luogo indica il luogo reale o figurato da dove si viene ("Vengo da Roma").
    Risponde alla domanda: da dove? 
  27. Il complemento di moto per luogo indica il luogo reale o figurato che si attraversa per recarsi da un posto ad un altro ("Vado al Viale Atlantici attraverso i giardini pubblici" ).
    Risponde alle domande: per dove? per quale luogo?
  28. Il complemento di moto entro luogo circoscritto indica il luogo reale o figurato entro il quale si svolge un'azione di movimento ("Passeggio per i giardini pubblici" ).
    N.B.: I complementi di luogo spesso sono "figurati" : "Vado da Mario", "Vengo da una furiosa battaglia".
  29. Il complemento di origine indica l'origine, la discendenza, la provenienza di una persona o di un animale o di una cosa ("Mercurio nacque da Giove e Maia" ).
  30. Il complemento di argomento indica la persona, l'animale o la cosa intorno a cui si discute, indica cioè l'argomento di cui si parla o si scrive ("Ho svolto un tema sull'energia nucleare").
    Risponde alla domanda: intorno a quale argomento?
  31. Il complemento di materia indica la materia di cui è formato un og getto ("Ho comprato un anello d'oro").
    Risponde alla domanda: di che materia?
  32. Il complemento di limitazione è rappresentato da un sostantivo che serve a limitare il concetto espresso dal predicato ("lo sono istruito da Antonio in grammatica latina" - "Giuseppe era cieco di un occhio").
    Risponde alla domanda: limitatamente a che cosa?
  33. Il complemento di stima indica il grado, la misura della stima che si attribuisce ad una persona o ad un avvenimento ("Stimo moltissimo quelli che lottano contro la droga").
  34. Il complemento di prezzo indica il prezzo concordato per una vendita, per un nolo, per un affitto ("Ho comprato la casa per 220.000.000 di lire" - "Ho affittato la casa per 1.200.000 lire al mese").
  35. Il complemento di colpa indica la colpa, il delitto di cui uno è accusato ("Fu accusato di furto" ).
  36. Il complemento di pena indica la pena a cui uno è condannato (" Fu
    condannato all'esilio
    " - "Fu condannato a morte" - " Fu condannato ad una multa").
  37. Il complemento di età indica: a) l'età di una persona; b) l'età in cui una persona ha fatto qualcosa ("Mario ha dieci anni"; "Antonio, all'età di dieci anni, vinse la sua prima gara di nuoto").
  38. Il complemento di distanza indica la distanza fra due luoghi ("Benevento dista da Napoli 70 Km.").
  39. Il complemento di estensione indica la lunghezza, la larghezza, l'altezza e la profondità di una cosa ("Il ponte era lungo 300 metri" "La torre era alta 30 metri").
  40. Il complemento di abbondanza indica la cosa di cui si abbonda, che si ha in abbondanza ("Berlusconi è carico di soldi" - "Il bicchiere è pieno di vino").
  41. Il complemento di privazione indica la cosa di cui si è privi ("Sono privo di denaro").
  42. Il complemento di paragone indica il secondo termine di paragone dopo un comparativo ("Maria è più bella di Giovanna" - "Giovanna è meno bella di Maria" - "Quel cane è tanto veloce quanto il mio cavallo").